[almost-review] Horizon: Zero Dawn

I finished it.
Boy oh boy. This is a good one.

Score

Horizon: Zero Dawn

9 / 10

fmvburhlunnhs3mdqysc

Let’s get straight to the point: should you play Horizon: Zero Dawn? Hell yes.

I have been looking forward to playing this game for – well, since I saw the first trailer.

We all learn from the most tender age to be diffident with trailers, as they usually let you down big time. But I’m an optimist – what can I do??

WHY AM I WRITING THIS ALMOST-REVIEW?
This won’t be a full review, as the title suggests.
I’m writing this post because I want to highlight the aspects of the game that I loved the most. And also because I want to make sure to let you know, dear reader, why you should play Horizon as well.

When I’m thinking of the best games I’ve ever played (such as Journey, Ori and the Blind Forest, The Witcher 3) is never just about the story. It’s the story and the design. And the animations. And the soundtrack.

I like my games the way I like my books – immersive to the point I forget to eat.
And if you follow me on Instagram you know that I eat all the flipping time.

Horizon Zero Dawn™_20170303201114
This is a snap I took with the ingame photo mode ❤

Let me tell you what made me love Horizon: Zero Dawn so much:

  • It copies the good stuff

    No shame in taking the good stuff from other games and implementing it.
    Super smooth character animations and interaction with the environment à la Assassin’s Creed? Yes please.
    Intuitive bow&arrow crafting + aiming Tomb Raider style? Bring it on.
    A compelling, story driven quest system like the Witcher 3? Oh God, yeah.
    A breathtaking, procedurally generated environment? Please marry me.

  • You feel like a real hunter

    In Horizon you really feel like you’re a hunter in a world inhabited by dangerous robots that don’t really like when you get too close. You need to stay alert when you’re travelling around because even the weak robots can seriously injure you if you underestimate them. And rather than relying on you to get into a gear-frenzy mode to get more dps on your bow, the game forces you to work on your strategy first and be efficient with your resources.

  • More carrots, less sticks

    I’m not the best at first person shooters because my aim is sh….ockingly bad. The best thing is that Horizon is totally fine with that and gives you options: moderate damage by hitting enemies anywhere or catastrophic amount of damage and environmental effects if you hit specific areas with specific ammo type.
    Nothing new here, right?
    Here’s the cool thing: the game doesn’t punish you if you’re a sloppy sniper and you can be totally rubbish like me and still bring the trophy home.
    BUT!
    Incredibly enough, I was finding myself naturally trying to aim precisely.
    Why? Because the game rewards you so wonderfully when you hit those critical spots. Slow motion aiming, huge explosions, critical damage, combo effects, total badass feeling – let me tell you. Hormones pumping. There’s nothing more satisfying that creating a chill blast in mid-air freezing all those bloody robotic eagles that were trying to kill you.

  • A jaw-fracture-dropping storyline

    Common sense would be that at the base of every single game there should be a compelling storyline – right? Well, not really. Sometimes we tend to compromise with the story “because the graphics is so good” or “the combat system is amazing”. With Horizon you don’t have to choose, you get the whole package.

    And frankly, the storyline is just a-ma-zi-ng.
    I won’t spoil it but really – you should play it.

  • Side quests are not boring

    Basically every quest I found was meaningful. No “gather 4 fox skin” or “kill 2 dinosaurs” for the sake of it. There is a purpose behind everything you do and the quests are actually stories with actual characters with actual personalities.

  • Aloy is a badass

    After killing giant machines and countless foes single handedly I would have not tolerated to be talked down by some arrogant NPCs.
    To my delight, Aloy was never shy in putting them back into their boxes during their dialogues – making me feel quite proud of (being) her.

  • Check out those animations!!

    Aloy’s animations are so fluid and satisfying! I genuinely enjoyed climbing rock walls, pillar jumping or climbing on top of the Tallnecks around the world. It’s in the details – like the different animations to jump on/off your mount depending on which angle you approach it – that you see the love that’s been put into the development. And make your character feel a lot more real and cool.

    On this note, I highly recommend the slideshow by Guerrilla Games about their Player Traversal Mechanics design for Horizon: Zero Dawn.

These are only some of the elements that struck me about this game, so rich in beauty, playability and storyline.

QUALITY OF LIFE PRO TIP: go get the Shield-Weaver Armour quest as soon as possible – you will thank me later 🙂

What do you think about Horizon: Zero Dawn? Let me know in the comments!

Horizon Zero Dawn™_20170317184655
On top of a Tallneck

Teach Gratitude to your Children

Last Saturday I was talking with two friends of mine about how parents shape our behaviour, way of thinking and habits. This reminded me of an article I read, titled “How to raise grateful children”.

Take a picture of me by Damiano Tescaro on 500px.com
a random moment of gratitude that happened to me in Bern, Switzerland

Because gratitude is something that I am working a lot on these days, I found this article perfect to start the conversation. Here’s my favourite passages:

Be a Gratitude Role Model. When you spend every night writing all your blessings into a journal, you’re bound to pass along the gratitude basket to your children. Saying these blessings out loud to them only reinforces this type of modeling. “I’m so happy you are in my life.” “I’m so honoured to have good friends.” “Your Dad is the best Dad in the world.” “I am so grateful to get to spend my day with you.”

This is excruciatingly true. Think about how many times in your day you take the time to thank people for being a part of your life and recognising their importance and the happiness they bring. We usually complain when someone has done something wrong, as this is naturally perceived as “out of the ordinary” (so more likely to be “interesting”). Well, I think this is a kind of an excuse to hide the fact that we are losing the pleasure of sharing our happiness. I personally feel awkward sometimes to tell people how grateful I am, but I can easily recognise it as fear of a “not socially widespread behaviour”.

For the records, I have scientifically proven that there is no harm in doing that, at all. 😉

Simplicity matters. Keep things simple and children are bound to start noticing the little things in life. We don’t have a lot of fancy things. We only just got our first big-screen TV this year and that was a really big deal. When we bought our newish minivan, it was another really big deal. We aren’t splashy. We aren’t contrived. We just live and try to make a difference in our community every day. The rest is a bonus. We are passing this along to our children delicately while also helping them achieve their own dreams.

Simplicity is a very tricky word here: it means nor scarcity nor fancy zen style.

I like to think of simplicity as that little something that can make an helm out of a cardboard box. Simplicity to me goes with being sincere, as it takes a lot of honesty towards yourself to admit you don’t need this AND that thing. Also, forcing a child to keep a “simple life style” is not a good idea either. Simplicity is not about choking ideas, but about opening new, different possibilities. So instead of teaching not to use something, why not teaching how to use something different instead?  

Teach actions. Saying thank you is fine. It is. But in these busy, crazy times of social networking and little connection to real people, it’s important to teach children to SHOW UP and give thanks. Have them write out their thank you daily in a journal. Call instead of emailing. Give cookies to the school janitor.

The last sentence is what makes the magic happen in my opinion.

The core of gratitude is to start seeing things we used to give for granted with new eyes. To realise the value of that something that’s been done for us.

A personal anecdote: in the office where I work we have a cleaning company which starts the cleaning during the last hour of my shift. One of the women working for this company in particular thanks everyone who moves away from the desks, letting her cleaning the workstation: she thanks us for letting her doing her job! Now, even though it could be just an habit or a company direction, all I could do was thanking her back and, of course, asking her how her day was going with a big smile.

“Learning is not a place, it’s an activity” [TED Talk]

Ho letto qualche giorno fa un bell’articolo su Ted.com riguardo l’educazione. A catturare la mia attenzione in particolare è stata la citazione di apertura:

“Learning is not a place, it’s an activity”

(Andreas Schleicher at TEDGlobal 2012)

Mi sono immediatamente ritrovato in questa citazione: se penso alla parola “imparare”, “apprendimento” la prima cosa che mi viene in mente è la scuola, un luogo fisico ben preciso, che a sua volta  è un “luogo mentale” (al quale la mia mente attribuisce funzioni di educazione e istruzione).

Credo che questa associazione sia fondamentalmente pericolosa, in quanto ci ostacola nel riconoscere che l’apprendimento è costante, avviene in ogni momento, continuamente. L’educazione è un processo infinito, costante e non si svolge in un luogo preciso.

Anzi, credo che associare un solo luogo all’apprendimento sia controproducente: pensiamo ad un bambino a cui i genitori dicono che “a scuola si va per imparare”. Il bambino poi si trova in un ambiente in cui viene giudicato fin da piccolo rispetto alle sue performance, in cui c’è un livello di stress via via crescente dovuto alle interrogazioni e ai compiti in classe (per “verificare” quanto sia ha imparato). La scuola è il luogo in cui “ti insegnano” (per imposizione) la matematica, la geografia, etc. La scuola viene in breve associata con sentimenti ed emozioni non propriamente positive, mentre tutto il non-scuola diventa liberatorio, piacevole. L’equazione è quasi pavloniana:

scuola = stress

scuola = apprendimento

apprendimento = stress

In questo modo i bambini capiscono che imparare non è una cosa positiva, divertente, piacevole, ma spesso prevede qualcuno che parla per ore di cose noiosissime che non hanno niente a che vedere con loro.

Partendo dall’intervento di Andreas Schleicher a TED volevo quindi toccare alcuni punti:

Educazione vs. Lavoro

One of the issues in measuring education is to think about the metrics for success. These days, that isn’t simply a question of who gets what degree. What’s needed is skills that will be useful after formal education has finished. “Look at the toxic mix of graduates looking for jobs but employers telling us they can’t find people with skills they need,” Schleicher says. “That tells us that better degrees don’t necessarily translate to better skills, jobs, lives.

Questo è un concetto a cui tengo molto: mettere le cose in pratica. E si, credo che anche la storia o la poesia possano essere messe in pratica in classe, a patto di accettare che i ragazzi non debbano sapere tutta la storia, ma che debbano avere gli strumenti per capirla. Strumenti, non concetti, quindi da sporcare, rompere e riforgiare all’occorrenza nella vita reale.

“Is it better to have better performance and disparity? Or accept equity and mediocrity?” As Schleicher shows, it’s a false choice. In fact, a lot of countries combine excellence and equity. Countries such as China, Korea and Finland now provide excellence for all their students, from all backgrounds — and provide an important lesson for other countries trying to challenge the paradigm of education as a way of simply sorting people.

La differenza credo sia percepita in tutta Italia: la scuola non ci prepara al lavoro. E lo fa in modo talmente palese che molto spesso, perfino gli studenti diplomandi non hanno idea di cosa vorranno fare nella loro vita.

La scuola attuale, come dice Sir Ken Robinson, è basata su un modello industriale in cui i ragazzi vengono accorpati per età. Pensiamoci un secondo: perchè mai i ragazzi dovrebbero formare classi omogenee basandosi solo sull’età anagrafica? Ogni persona ha un proprio tempo e approccio per sviluppare diverse abilità e mettere tutti in riga senza curarsi delle singole attitudini è come voler costruire una casa con i Lego usando solo un tipo di mattoncini: verranno tutte abbastanza uguali, tutte abbastanza belle. Un mondo di mediocrità.

Insegnanti

 “The test of truth is how education weighs against other priorities. How do you pay teachers? Would you rather your child be a teacher or lawyer? How does the media talk about teachers? We’ve learned that in high-performance systems, the leaders have caused citizens to make choices that value education.”

Allowing teachers to have autonomy to understand what needs to be taught — and empowering them to teach it in their own way — helps enormously. “The past was about delivered wisdom,” says Schleicher. “Now it’s about enabling user-generated wisdom.” Investing in teachers themselves is perhaps most critical of all. The progress and growth of the educators themselves matters, and it’s crucial to create helpful, supportive environments in which they continue to learn. High-performing countries have systems that allow teachers to innovate and develop pedagogic practices, looking past test results and outwards toward life in the world at large.

La figura dell’insegnante deve essere pesantemente rivalutata: la dignità associata ad una professione è una misura indicativa non solo per la retribuzione, ma anche per la percezione sociale. Penso alla facilità con cui gli insegnanti italiani sono accusati di essere “troppo esigenti”, poco “equi”, etc. E sono i genitori stessi che scaricano le responsabilità dei propri figli sulle spalle degli insegnanti e, facendogli questo, togliendogli l’unica leva nei confronti degli studenti: il rispetto. Questa rivalutazione dovrebbe partire non tanto dagli studenti, che da parte loro non hanno interesse pratico nel farlo, ma dai piani alti, dalle sale dei bottoni dove vengono elaborati i piani dell’Offerta Formativa e stabilita la retribuzione nazionale degli insegnanti. Ancora, l’idea di un insegnante che non impara e che non si aggiorna è obsoleta. Una bravissima professoressa che ho conosciuto mi raccontava di come lei dedicasse almeno un mese d’estate, tra un anno scolastico e il successivo, a leggere libri ed articoli sull’educazione per aggiornare le proprie lezioni dell’anno successivo. Questo processo, se fosse reso sistematico nell’attività di insegnamento, potrebbe aiutare gli insegnanti a tenere il passo con gli studenti.

Studenti

What is key: A belief that all children are capable of success.

Altro fattore fondamentale, la fiducia nei ragazzi. Se la scuola viene vista come l’orticello in cui raddrizzare le piante storte per farle uscire tutte uguali non ci sarà mai l’occasione per la creatività, l’originalità, la voglia di emergere. Il sistema, gli insegnanti, i genitori devono credere ed essere consapevoli del fatto che hanno tra le mani la risorsa più preziosa del mondo e trattarla di conseguenza.

Questi sono solo alcuni appunti che mi sono preso guardando il video e mi piacerebbe evolvere il discorso, parlarne, confrontarmi…a qualcuno interessa?

Spazio della Mente e lo spazio del Corpo

Ricordo di aver letto tempo fa di uno studio che poneva in relazione la percezione e l’utilizzo dello spazio fisico con l’organizzazione dello spazio mentale.

Ovviamente la cosa va ben oltre all’avere la camera da letto ordinata o la cucina in disordine, dato che ognuno organizza il proprio spazio in modo personale. Ricordo un vecchio fumetto in cui Pippo, l’incasinato per eccellenza, in una casa ordinata non riusciva a trovare nulla. (che poi potremmo chiederci cosa sia una casa “ordinata”? e per chi lo è?)

Ho avuto modo di provare questa teoria poco tempo fa durante un training in cui mi è stato consegnato un taccuino in cui prendere appunti (quello con le righe scure che si vede nella foto).  Per la prima settimana ho preso montagne di appunti su quel taccuino, ma i risultati erano scarsi: ricordare qualcosa o fare un collegamento logico scatenava immediatamente un errore 404 nel mio cervello.

La seconda settimana ho deciso di chiedere un “proper” notebook, dimensioni A4 (quello che nella foto ha righe più chiare) e il cambiamento è stato evidentissimo. Nel giro di pochi minuti ho ricostruito l’impianto logico dei miei del mio prendere appunti , riuscendo a scrivere e disegnare con facilità, cosa che io faccio sempre per memorizzare.

Un paio di riflessioni che mi sono venute spontanee:

  • Capire come organizziamo le informazioni a livello spaziale è fondamentale per sapere come procedere. Io ad esempio ragiono molto per metafore ed immagini, quindi mi aiuta molto disegnare degli elementi (orrendi, ahimè ) che rinforzino il messaggio. (tra l’altro lo sapevate che è stato dimostrato che scrivere/disegnare mentre ascoltiamo può aiutare la concentrazione e quindi la comprensione del messaggio stesso? Nel mio caso funziona bene, ma immagino che dipenda da caso a caso).
  • Creare delle strutture riconoscibili, che ci permettano di riconoscere immediatamente le informazioni: io ho preso l’abitudine di scrivere l’argomento di cui si parla preceduto da un # come su Twitter (ad es. #Rimborsi Ordini) ed evidenziarlo in giallo. Tutte le dipendenze logiche hanno delle frecce diverse in base al rapporto di relazione (es. per azioni che si susseguono una freccia curva, per elementi che appartengono ad un titolo una freccia ad angolo retto, etc)
(tengo questo post aperto per futuri aggiornamenti, suggerimenti…)

Il cliente sono io

{esperienze di supporto clienti}

“Dall’altra parte del telefono, se ci fossi io, come mi sentirei adesso?” Me lo sono chiesto diverse volte mentre ero al telefono con un cliente che, purtroppo, non potevo aiutare.

Ripensando a com’è andata la conversazione, ho riflettuto sul come chiediamo le cose quando crediamo che qualcosa ci spetti per diritto e quanto difficile sia sentirsi rispondere “non possiamo fare nulla“. Cerchiamo naturalmente quella crepetta nel ragionamento che può far filtrare la (nostra) ragione, scatenare l’eccezione se necessario – perché, dopotutto, il nostro problema è diverso da tutti gli altri (.cit tutti i clienti ever).

Stare dall’altra parte del telefono non è facile in questi momenti, perché se da un lato il tuo lavoro è chiaro e la politica aziendale è quella, hai sempre quella vocina nella testa che ti fa dire “però forse…!”.  Ecco, ho avuto modo di testare che il “però…” non aiuta ne me ne’ il cliente.

Il “però…” è un portatore sano di perdite di tempo e false speranze, che spesso viene usato per mitigare una notizia altrimenti puramente negativa, ma che spesso funziona come l’acqua sull’olio infuocato: peggiora. L’empatia vera con il cliente non si conquista con le risposte vaghe e confuse, ma con chiarezza e fermezza. Facendo capire che è stato fatto tutto il possibile, che abbiamo a cuore la soluzione quanto loro, che capiamo il problema e questo è quello che possiamo fare. Dopo di noi non esiste altro di intentato, perché abbiamo preso in considerazione tutte le possibilità.

E – fondamentale – dopo la dura verità, spalancare una finestra di uscita. Dare qualcosa che aiuti a rialzarsi da quella posizione scomodamente “needy” nella quale si sono venuti a trovare nel chiederci aiuto.

Riconoscere la loro dignità.
Hanno esercitato un loro diritto (chiedere) ed è andata male, pace.
E, soprattutto, non ci hanno fatto “perdere tempo”.
Il tempo con il cliente lo gestiamo noi – se non lo facciamo la colpa non è certo di chi chiama.